01. BA Costume & Fashion

Lorena
Tiberi

"Oxide"

"Oxide"

Come tele bianche ed immacolate veniamo segnati in modo
indelebile dallo scorrere della vita.
Ognuno di noi porta su di se e dentro di se il segno del tempo.
La contaminazione è l’unico motore di cambiamento,
movimento e spostamento.

Oxide, vuole essere veicolo di riflessione e rivalutazione
del concetto di accettazione di una bellezza imperfetta,
impermanente ma ricca di vitalità.
Il progetto porta con se la manipolazione della materia che
ne segna la nascita e subisce attraverso l’uso del
prodotto, tutte le contaminazioni e usure che vengono
assunte e ne testimoniano la storia.
L’Unicità di ogni singolo
prodotto è la sua manipolazione non
riproducibile, eseguita in un momento di creatività fissata
nel tempo.
Le capsule di pelletteria e calzatura sono state ideate e
create per l’indosso dinamico e l’utilizzo costante.
I prodotti sono costituiti da pelle di vitello liscio e
Canvas manipolato con dei pigmenti e colature di colore.
L’erosione e l’ossidazione della materia, causate da
fattori esterni, sono tematiche ispirate dall’arte di
Robert Rauschenberg e vengono riprese nelle manipolazioni
personali del Canvas, inserito come materia centrale nella
collezione di accessori.
Gli interventi estetici simulano volutamente antiche mura
usurate dal tempo le cui perdite di acqua hanno creato
microcosmi vegetali, oppure ricordano le ringhiere ossidate
e arrugginite corrose dagli agenti atmosferici. L’azione di
intervento personale sul Canvas è un lavoro che da al
prodotto la propria vita e ne esalta il suo essere
vulnerabile a modificazioni sulla propria materia. Il
design e l’artigianalità sono capaci di recuperare il senso
di storicità e vitalità dei prodotti:
Essi sono impressi, preventivamente, da un vissuto unico e
irripetibile, ed ora ciascuno degli accessori è capace di
vincere le proprie ferite e la propria stessa morte
attraverso un guizzo di vita che ne determini il carattere
pieno e mai più transitorio.
Gli oggetti di consumo, quali sono i prodotti realizzati e
presentati, sono destinati ad una usura come carattere
insito al proprio DNA e perciò tutte le modifiche che
porteranno con se, saranno testimonianza del perché sono
stati creati e quale funzione hanno. La bellezza e
l’immortalità degli oggetti di consumo sono quindi il
risultato di una costante rinascita attraverso i propri segni di
contaminazione.

Like white and pure canvas we are marked permanently by the stream of life.
Each one of us carries the engraving of time. Contamination as the only changing, moving and placing force.

Oxide is the tool of reflection and revaluation of the acceptation concerning a defective type of beauty. Temporary but squinting with life.
The project is focusing on manipulating matter, it marks its birth and is submitted through the product to all the contaminations and evolutions that are the witness of its history.
The uniqueness of each product resides in its manipulation, non-breedable and executed in the creative process and stuck in time.
The Capsule Collection of leather and footwear goods, were created for a dynamic and constant use.Products are made of smooth calf skin and canvas manipulated with pigments and color drips.
The erosion and oxidation of matter caused by external factors are the themes inspired by the art of Robert Rauschenberg, those elements are implied in the personal use of canvas that is the main material of the accessories collection. The aesthetic interventions willingly simulate an antique wall worn out/damaged by time, the drips of liquid and wearing effects of time created a growth of microorganisms and fauna , as well remind us of oxidated rails rusted by the atmospheric agents. The personal intervention on canvas is the action that gives life to the material and enhances its being vulnerable to modifications on the very matter.
Craftmanship and design are able to regain the history and vitality of the product: those are engraved in advance from a unique and unrepeatable past. The accessories are now able to mend their wounds and defeat their own death through a glimpse of life that determines their rich features and never transitory nature.
The consumer goods and the products here presented are destined to be used as their main feature, therefore all the modifications that they carry are the witness of the “why” they were created and what function they imply. The beauty and immortality of those objects are the result of a constant rebirth through their own contaminations scars.

Moodboard

Line Up

Close